Soluzioni

Be Aware > Soluzioni

Le soluzioni allo sfruttamento del lavoro in agricoltura

In Italia e in Europa, istituzioni, imprese e società civile hanno risposto in molti modi al fenomeno dello sfruttamento, ottenendo spesso risultati positivi

La diffusione dello sfruttamento del lavoro in agricoltura è un problema europeo. L'Europa - intesa come le istituzioni nazionali e continentali, le imprese e la società civile - ha reagito, proponendo azioni di mitigazione e contrasto del fenomeno. Dal Portogallo alla Polonia, dall'Italia alla Germania, l'obiettivo del progetto BeAware è mappare le pratiche sviluppate, per indoviduare quelle che, a fronte dei risultati raggiunti, abbiano anche un concreta possibilità di diffusione.

Campagna Buoni e Giusti - COOP

Un anno di "Buoni e Giusti", la campagna Coop volta a promuovere l'eticità delle filiere ortofrutticole a rischio. La campagna ha coinvolto tutti gli oltre 800 fornitori di ortofrutta (nazionali e locali) di Coop, che operano con circa 70.000 aziende agricole. Sotto la lente dei controlli Coop le filiere più a rischio dell'agroalimentare italiano. Le 7200 aziende agricole all'origine delle filiere dei prodotti a marchio Coop sono state invitate a aderire alla Rete del Lavoro Agricolo di Qualità. Malgrado le notevoli difficoltà riscontrate, a oggi circa un terzo delle aziende agricole afferenti ai fornitori Coop coinvolti nelle 13 filiere ortofrutticole più esposte ai rischi di illegalità e dove più frequentemente emergono episodi di sfruttamento dei lavoratori, hanno provveduto a iscriversi: di queste il 50% circa ha ottenuto l’iscrizione In questo primo anno e mezzo 10 sono state le filiere ortofrutta più il pomodoro da trasformazione sotto i riflettori, per un totale di oltre 350 aziende agricole sottoposte a audit, di cui 2 nella filiera del pomodoro da trasformazione sospese per i gravi problemi rilevati. La campagna "Buoni e Giusti" ha portato al rilancio dello storico impegno di Coop e ad un aumento dei controlli effettuati da COOP lungo le filiere agroalimentare. A questi controlli si è anche affiancata un'azione tesa a migliorare la remunerazione dei fornitori nelle filiere dell’ortofrutta allo scopo di incrementare la redditività della produzione e diminuire i rischi di sfruttamento. Sulla stessa linea in relazione al patto promosso dal Ministero delle Politiche Agricole per la legalità nelle produzioni agricole Coop ha sempre condannato e non ha mai utilizzato il meccanismo delle aste on line inverse o al doppio ribasso.

1-5.jpg

Progetto Presidio - Caritas Italiana

Il problema dello sfruttamento lavorativo è un fenomeno diffuso in diversi territori del paese. L’obiettivo del Progetto Presidio di Caritas Italiana è strutturare un presidio permanente in cui la presenza di operatori specializzati e volontari possa assicurare ai lavoratori impiegati nel settore agricolo e in evidente condizione di sfruttamento, un luogo di ascolto, di orientamento e di tutela rispetto alla loro situazione giuridica, sanitaria e lavorativa. Gli operatori di Presidio operano anche attraverso mezzi mobili per raggiungere gli accampamenti dove si trovano lavoratori sfruttati e in condizione di segregazione. Progetto Presidio è attualmente presente in 18 Caritas diocesane distribuite in tutta Italia ed in particolare nelle regioni del Sud.

2-5.jpg

Le mele del Trentino

Melinda è un’organizzazione di produttori la cui struttura vitale è composta dai Soci agricoltori, cioé da circa 4.000 famiglie di frutticoltori che vivono e coltivano il melo nelle Valli del Noce (Val di Non e Val di Sole). Il consorzio rappresenta un'eccellenza per quanto riguarda il lavoro di coordinamento di una governance che raggruppa singoli produttori, cooperative e che collabora strettamente con le istituzioni locali.

2-5.jpg

Meloni Francescon

L’Organizzazione di Produttori (OP) Francescon è attenzione alla sicurezza alimentare, all’ ambiente, al sociale, alla comunità locale in cui opera, alle proprie risorse umane. Le risorse umane sono il valore aggiunto della Francescon: l' alta professionalità sommata al pieno rispetto dei diritti dei lavoratori garantiscono all' azienda standard qualitativi elevatissimi.

4-5.jpg

Hortosabor

Nata dall'incontro tra imprenditoria italiana e spagnola, la Hortosabor Mediterráneo è un'azienda che fin dalle origini a puntato sulla qualità del lavoro e della produzione. Basata ad Almeria, Hortosabor Mediterraneo è azienda leader nella produzione ortofrutticola e nell'esportazione in Europa. Impiega manodopera spagnola e straniera attraverso accordi regolamentati: l'impegno alla tutela ai diritti e alle tutele degli operatori è stato in più occasioni premiato (http://hortosabor.es/actualidad-de-la-mutua/)

1-5.jpg

La vendemmia in Francia - Les vendanges en France

Da agosto ad ottobre, i viticoltori assumone dei lavoratori stagionali per le vendemmie. Più di 300.000 contratti di vendemmia sono sottoscritti ogni anno. L'Association Nationale Emploi Formation en Agriculture (ANEFA) opera come mediatore e agenzia d'impiego tra datori di lavoro e impiegati.

bg_7.jpg